COMUNICATO UGCONS LATINA

L’UGCons nella provincia di Latina si è subito radicata nel territorio, riscontrando adesioni e, soprattutto, segnalazioni. Lo racconta l’avvocato Carlo Piccolo, che dirige il servizio. Ancora una volta, nel mirino della maggior parte delle vertenze ci sono le compagnie telefoniche e le società erogatrici di servizi necessari, come gas e luce. Ma come ci si può mettere al riparo da raggiri e manipolazioni? A Latina una risposta intanto esiste.

Possiamo fare un primo bilancio sullo sportello di Latina? Come sta rispondendo il territorio? «È difficile fare un primo bilancio sull’attività di uno sportello all’indomani della sua avvenuta ristrutturazione e a circa un paio di mesi dall’inaugurazione della nuova sede. Sicuramente, attraverso la pagina Facebook e tramite la convenzione con il sindacato UGL, per la tutela dei propri iscritti, stiamo riprendendo un percorso di condivisione finalizzato alla consapevolezza dell’esistenza di una offerta per la tutela legale per i cittadini del capoluogo pontino».

Cosa riguardano principalmente le segnalazioni dei consumatori? «Gli utenti-consumatori ci segnalano, nella maggior parte dei casi, tematiche relative a controversie telefoniche».

Qual è stato, se c’è stato, il vuoto colmato dallo sportello di Latina? «Il rinnovato sportello di Latina può certamente diventare un punto di riferimento anche per l’intera Provincia, utile a fornire risposte tecniche anche su semplici consigli, proprio per colmare quel vuoto di mancata o errata comunicazione tra l’utente-consumatore ed il gestore o fornitore, presso cui egli stesso si è rivolto, ad esempio, per l’attivazione di un qualsivoglia servizio».

Quali sono state le principali battaglie iniziate e con quali risultati fino ad oggi? «Stiamo iniziando a inoltrare i primi atti di reclamo contro le varie compagnie telefoniche e società di erogazione di servizi luce e gas. In alcuni casi attendiamo gli esiti ed in altri abbiamo già ottenuto risultati positivi per i nostri iscritti».

Che influenza hanno internet e i social sulle dinamiche legate al consumo? Si stanno aprendo nuovi fronti di azione per l’associazione? «Internet ed i social rappresentano un primo canale presso cui i cittadini possono entrare in contatto con le Associazioni dei Consumatori, chiedendo preliminarmente consiglio su come poter risolvere le problematiche più svariate. Consiglio, però, di rivolgersi sempre presso le varie sedi operative per spiegare al meglio e con la documentazione in possesso, la situazione da risolvere».

Quali sono i progetti su cui state lavorando? «Riteniamo la formazione un tassello importante della nostra attività legale e

soprattutto lo strumento indispensabile per dare risposte concrete a tutti i cittadini. Per questo motivo continuiamo a seguire corsi utili al nostro aggiornamento professionale».

Prossimi eventi in programma? «Nei mesi di giugno e luglio intendiamo iniziare un percorso di educazione al consumo attraverso dei convegni tematici sulle maggiori problematiche che i nostri consumatori hanno avuto in passato o potrebbero avere in futuro».