Comunicato Stampa: “Stop ai maxi conguagli nelle bollette di gas, acqua e luce”

Entra nelle legge di Bilancio la norma voluta con forza dalle associazioni dei consumatori e che rappresenta un giro di vite contro i maxi conguagli contenuti nelle bollette dell’energia elettrica, del gas e dell’acqua.

Approvata la legge di Bilancio le nuove norme dovrebbero entrare in vigore entro marzo per le sole bollette non ancora scadute dell’energia elettrica.  Occorrerà attendere ancora un anno per le bollette del gas (purché abbiano scadenza successiva al primo gennaio 2019) e ancora due anni per le bollette dell’acqua (scadenza di pagamento dopo il primo gennaio 2020).

*Due anni per pagare*. La legge, invocata anche dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, riduce *il termine di prescrizione da cinque a due anni* e varrà per  utenti domestici, microimprese (con meno di 10 dipendenti e fatturato annuo entro i 2 milioni di euro) e studi professionali.

*Stop ai conguagli ingiusti.* Le famiglie non dovranno più far fronte a pagamenti esorbitanti per la mancata lettura dei contatori da parte delle compagnie. In sostanza le aziende avranno due anni di tempo per “allineare” quanto pagato dall’utente al consumo effettivo rilevato dal contatore, superando la pratica dei maxi conguagli