Portonaccio, Roma Capitale e 23 milioni di euro, danno ai cittadini – Fiduciosi per l’esito dei ricorsi

Se con le 326.212 multe comminate nell’estate 2017, Roma Capitale sperava di rafforzare le casse comunali a danno degli ignari automobilisti romani, forse è giunto il momento di rifare i conti.

Sono oltre 7mila i ricorsi attendono di essere vagliati in Prefettura e dei Giudice di Pace. Per questi, seppure nulla è da dare per scontato, sembrano destinati ad avere esito positivo, almeno stando all’accoglimento dei primi due ricorsi e la condanna al risarcimento delle spese legali.

Sebbene il Campidoglio resta fermo sulle sue posizioni, solo un terzo delle multe è stato già saldato, mentre si profila un’assoluzione degli automobilisti. Nel caso l’orientamento giudiziale fosse confermato, si profila quindi il rischio di un ulteriore danno patrimoniale per il già dissestato bilancio comunale.

L’UGCons, auspicando l’accoglimento dei ricorsi presentati dai propri aderenti, si interroga su chi graverà tale evitabile ulteriore addebito, se non ancora una volta sui cittadini romani. Con quale stratagemma si muoverà l’amministrazione, che si è opposta con forza ad una moratoria, per coprire il prezzo di tale rigidità?